Come memorizzare i numeri.

Ricordare i numeri è, per molti, particolarmente difficile. La nostra memoria di lavoro può trattenere al massimo 7 elementi (a seconda dei soggetti, al magico numero 7 possono essere aggiunti o tolti 2 elementi). E’ per questo, per esempio, che facciamo molta difficoltà a ricordare un numero di telefono appena l’abbiamo sentito e – se veniamo distratti subito dopo averlo sentito – ce lo dimentichiamo facilmente. Come potenziare questa base piuttosto limitata? Con l’esercizio e con qualche piccolo trucco. Il più efficace è anche il più semplice: imparare a creare “blocchi” di informazioni numeriche. Un blocco di 2 o 3 cifre, per esempio, per la memoria vale come un’unica cifra. Facciamo un esempio. Dobbiamo ricordare il numero di telefono 339.0173962. Se lo impariamo numero per numero, stiamo sforzando la nostra memoria a breve termine e questo ci porterà ad uno sforzo cognitivo troppo elevato. Possiamo però suddividere il numero in 339 017 396 2 oppure: 33 90 17 39 62.

L’importante per una memorizzazione più efficace è trovare un senso ai numeri, associandoli a qualche informazione numerica che è già presente nella vostra memoria (può trattarsi del prefisso di un numero che già componente spesso, del numero civico dove abita un amico, il giorno di nascita di vostro fratello, la maglia del vostro giocatore preferito, il tempo che avete realizzato l’ultima volta che avete corso, eccetera). Non ci sono regole fisse per tutti: il segreto, infatti, è attingere dalla propria memoria, trovandovi degli elementi già presenti che possiamo utilizzare come pioli da arpionare ogni qualvolta ci serviranno. Il metodo è efficace, molto usato, semplice e veloce. Un esercizio continuativo migliora i risultati e li consolida nel tempo. Anche nel caso dei numeri, la visualizzazione e la costruzione di storie divertenti può aiutare la memorizzazione.

Il secolo che sta volgendo al termine è stato dominato dagli acidi nucleici e dalle proteine. Il prossimo si concentrerà sulla memoria e sul desiderio. Sarà in grado di rispondere alle domande che questi temi sollevano?
François, Jacob, Il topo, la mosca e l’uomo (1998)