Dimmi chi erano i Beatles e quali ricordi ti risvegliano...

Quale è il potere della musica sulla memoria e come avviene il richiamo di ricordi (musicali) piacevoli da parte del nostro cervello? Sta cercando di capirlo un gruppo di ricercatori dell'università britannica di Leeds in uno studio che coinvolgerà quasi settanta diverse nazioni e che utilizzerà anche la rete per raccogliere opinioni e testimonianze. Chi vuole collaborare a questa grande ricerca, infatti, può collegarsi al sito www.magicalmisterytour.com e scrivere quali sono le proprie memorie legate a... i Beatles. Saranno infatti i quattro favolosi quattro di Liverpool, o meglio la loro musica, a rappresentare il fil-rouge della ricerca. Non a caso: da Imagine a All we need is love, le canzoni dei Beatles sono associate a memorie autobiografiche (personali) fortemente connotative nella storia di molti di noi.

"Sarà il primo vero studio in grado di documentare gli effetti della musica nel richiamare i ricordi sepolti dal passato" sostiene la psicologa cognitiva Catriona Morrison, che coordina la ricerca. I primi risultati hanno già evidenziato che "le canzoni si legano quasi sempre a eventi positivi. In alcuni casi bastano poche note per richiamare immagini, odori e sensazioni "in maniera molto vivida". Un effetto che supera i confini dell'età, visto che il meccanismo acchiappa-ricordi è stato osservato sia in ragazzi di 17 anni che in anziani di quasi 90 primavere. Non solo: la musica produce lo stesso risultato sia negli uomini che nelle donne. "Finora - ha ricordato Morrison - si dava per assodato che le difficoltà nel ricordare un evento fossero frutto di un difetto di immagazzinamento del ricordo stesso, messo al 'posto sbagliato'.

Ma già dai dati preliminari della ricerca in corso possiamo confutare questa spiegazione. La capacità della musica di evocare fatti e sensazioni anche molto lontani - aggiunge - fa invece pensare che dietro ai difetti della memoria ci sia un cortocircuito nel meccanismo di ripescaggio". Uno dei misteri da risolvere è capire perché certe canzoni siano maggiormente in grado di far tornare indietro nel tempo le lancette della nostra vita.

Foto: courtesy of Flickr (http://www.flickr.com/photos/javierpiragauta/2291627677/)

Il secolo che sta volgendo al termine è stato dominato dagli acidi nucleici e dalle proteine. Il prossimo si concentrerà sulla memoria e sul desiderio. Sarà in grado di rispondere alle domande che questi temi sollevano?
François, Jacob, Il topo, la mosca e l’uomo (1998)