Mangiare troppo fa male al cervello... e alla memoria.

Quante volte ci capita, nel corso di un anno, di strafare con pranzi troppo lauti. Che sia un ricevimento, una festa di compleanno, una cena tra amici o le festività pasquali e natalizie, tante sono le occasioni in cui esageriamo nell’alimentarci. Ebbene, sembra che a parte il mal di pancia dell’abbuffata, siano ben altri i rischi di questi iperpasti: secondo una recente ricerca, i cui risultati sono stati diffusi sulla rivista di divulgazione scientifica Cell, mangiare troppo fa male al cervello.

Gli studiosi che hanno realizzato lo studio, ricercatori dell’Università del Wisconsin, hanno infatti scoperto che alcune cellule dell’encefalo si infiammano a causa dell’eccesso di cibo, alterando in tal modo i meccanismi che regolano l’appetito.
Secondo il fisiologo che ha coordinato la ricerca, il dottor Dongsheng Cai, questa scoperta potrebbe aiutare a trovare una cura per l’obesità, oltre che per numerose malattie correlate al diabete di tipo 2 e a disturbi cardiovascolari.

Riportato integralmente da: http://www.medicinalive.com/scienza-dellalimentazione/alimentazione-e-
prevenzione/le-abbuffate-infiammano-il-cervello/
Foto: courtesy of Flickr (www.flickr.com/photos/enricofede07x/2208506143/)

Il secolo che sta volgendo al termine è stato dominato dagli acidi nucleici e dalle proteine. Il prossimo si concentrerà sulla memoria e sul desiderio. Sarà in grado di rispondere alle domande che questi temi sollevano?
François, Jacob, Il topo, la mosca e l’uomo (1998)